S.O.S.A.T. - Via Malpaga, 17 -TRENTO- orario: 10-11.30 e mercoledì: 20-22 - tel: 0461.986699 | email: sosat@sosat.it

SERATE CULTURALI 2019

 

 

 martedì 5 febbraio: a cura di Claudio Pollini
LE CAROVANE DEL SALE IN DANCALIA (ETIOPIA). LA FINE DI UN’EPOPEA

Claudio Pollini presenterà attraverso i suoi suggestivi scatti fotografici l’ambiente, le condizioni di vita e lavorative della Dancalia.

 

 

martedì 5 marzo: a cura di Vera Liachenko SUI SENTIERI DELLA SIBERIA

Vera Liachenko, presidente dell’Associazione Sputnik, associazione culturale per la diffusione della lingua e della cultura russa, presenterà attraverso un reportage fotografico il lago Bajkal, che si trova nella Siberia meridionale e che fa parte della lista delle Sette meraviglie della Russia, nonché patrimonio dell’UNESCO dal 1996.

 

Con la partecipazione del CLUB ARMONIA: 

 

Inoltre anche quest’anno continua la collaborazione con il Club Armonia. La Sosat, ospiterà nella propria sede lo storico sodalizio, che proporrà due serate culturali per conoscere e confrontarci su storie grandi e piccole della nostra terra, nel solco di una consolidata tradizione.

 

Vi proponiamo quindi le seguenti serate:

 

martedì 12 marzo: AI CONFINI DEL CONFINE

Conversazione attorno alla linea del confine nelle Alpi e dentro le plurali identità dell’Europa.
Le Alpi centrali costituiscono da sempre una barriera fra il meridione ed il settentrione del vecchio continente e i valichi che solcano queste montagne costituiscono “i confini del confine”. In questo contesto il passo del Brennero rappresenta, più degli altri, il paradigma del confine come luogo delle contrapposizioni storiche così come delle convivenze fra popolazioni che sono, in prevalenza, somme di minoranze e figlie di contaminazioni sovrapposte. Leggere il confine montano quindi – ed i territori che lo circondano – come chiave per capire l’Europa di ieri di oggi e di domani.

 

 

 
Martedì 19 marzo: SEGRETI TRENTINI

Qui tutto sembra scorrere in modo pacifico ed armonioso. Ma non è sempre vero. Anzi. Questa è una terra di segreti, di violenze e di “storie nere” da raccontare. Posti sull’asse fra nord e sud dell’Europa Trento ed il Trentino non possono sottrarsi all’essere “terra di mezzo” con le sue luci, ma anche con i suoi segreti come quelli legati, ad esempio, allo spionaggio internazionale negli anni Sessanta, alle violenze del terrorismo sudtirolese, pangermanista e neonazista, ed al suo “noir” con omicidi eclatanti e, in alcuni casi, ancora irrisolti. Si tratta dell’altra faccia della città e del territorio, una faccia che non va comunque dimenticata perché compone anch’essa il nostro profilo più complesso.